top of page

Ganesha: Il Custode della Soglia, Il Risolutore di Ostacoli



Eccoci in compagni di Ganesha.

Ganesha è una delle mie figure preferite nel pantheon indiano.


Lui è saggio,

lui è compassionevole,

ma al contempo è anche divertente.

Ganesh ha un cuore leggero e...

ha una grande passione per i dolci!


Nella mitologia indiana, la storia di Ganesha è ricca di poesia e saggezza.

Ganesha è una delle divinità più amate e importanti dell'induismo ed è considerato il figlio di Shiva e Parvati.



Le origini di Ganesha

Shiva e Parvati, gli Amanti Divini. Shiva, essendo il Signore, era incline a profonde meditazioni su una montagna, talvolta per migliaia di anni! Mentre Shiva era lontano, la sua Amata Parvati iniziò a sentire la mancanza del suo amante.

Un giorno, attraverso il desiderio del suo cuore, portò al mondo un bambino. Parvati fu felicissima e sapeva che questo bambino era il figlio di Shiva.

Il tempo passò mentre Parvati e suo figlio vivevano insieme in armonia gioiosa, ma alla fine Parvati sentì così intensamente la mancanza di Shiva che lo richiamò dalla montagna per tornare a casa.

Shiva tornò davvero, ma quando arrivò e vide questo bambino sconosciuto alla porta, esplose in una rabbia protettiva e tagliò la testa del bambino con il suo tridente.

Parvati fu devastata, e Shiva capì di aver commesso un terribile errore. Per rimediare alla situazione, radunò i suoi migliori amici divini per trovare una nuova testa per suo figlio.

Alla fine, fu Gajasura, il Grande Demone Elefante, a offrire la propria testa alla ricerca di Shiva. Shiva tornò a casa con la potente testa di elefante, la testa della saggezza e della conoscenza, per unirla al corpo del suo bambino. E così nacque Ganesha.





Una storie su Ganesha:


Ganesha è famoso per il suo goloso appetito! I suoi dolci preferiti sono i classici dessert indiani chiamati laddus.

Una notte, Ganesha stava tornando a casa da una festa di puja dove aveva mangiato molti gustosi dolci.

Con la sua grande pancia, stava cavalcando il suo piccolo veicolo a forma di topo sotto la Luna Piena quando un serpente gli attraversò la strada.

Il piccolo topo saltò in preda alla paura e scagliò Ganesha direttamente sulla Terra con un tonfo. Quando atterrò, la sua grande pancia si spaccò e tutti i laddus caddero sulla strada.

La Luna Piena, che stava osservando l'intero evento dall'alto, scoppiò in una risata, così forte che nacquero tutte le stelle!

Ganesha si sentì così offeso per essere stato preso in giro che si spezzò il proprio dente, lo scagliò contro la luna e la frantumò nell'oscurità. Senza la luce della luna, il mondo fu gettato nella disperazione.

Gli dei e le dee si riunirono per trovare una soluzione, e con il loro incoraggiamento, Ganesha accettò che la Luna avrebbe avuto due facce, una luminosa e una oscura, e così nacquero le fasi crescenti e calanti della luna.



Se chiudessi gli occhi,


potresti immaginare di trovarti davanti a un misterioso portale, potresti immaginarlo intagliato con figure e forme sconosciute, potresti sentire il tuo cuore palpitare per l'incertezza di ciò che si cela dietro questo portale...



E là, potresti scorgere un gigante dai lineamenti soavi e un sorriso rassicurante,

un gigante che ti guarda con occhi saggi.


Lo osservi meglio: ha testa di un elefante, il corpo di un uomo, ha quattro braccia e una sola zanna. Resterai sorpreso nel vederlo cavalcare... un topo.!


Egli è Ganesha,

Colui che in ogni rituale hindu è il primo a essere adorato.

Egli è il guardiano della soglia,

egli è il risolutore di ostacoli...


Murti


Qui sotto puoi vedere una statua che raffigura Ganesh. In India queste statue sono chiamate murti.


Osservala con attenzione e prima di andare avanti a leggere prova a chiederti cosa possano significare i vari aspetti di questa immagine. Se lo desideri puoi anche chiederti che effetto hanno su di te..



Allora proviamo ad esplorare assieme la cosiddetta "iconografia" di Ganesha.


É importante comprendere e conoscere i significati simbolici che nella ricca cultura dell'India sono associati a oggetti e posizioni del corpo.

In questo modo potrai anche apprezzare l'uso "pratico" di queste immagini che fra le altre cose servono a offrirci insegnamenti e comprensioni intuitive che ü difficile trasferire a parole.


Ganesha è venerato come il signore della saggezza e dell'intelletto, il risolutore di ostacoli, e come ti anticipavo la sua iconografia è ricca di simbolismi:

  • La sua testa di elefante simboleggia la saggezza e l'intelletto che spesso è associata a questo animale

  • Il grande ventre del Signore Ganesha indica che egli può digerire tutto il bene e il male nella vita. Questo significa che si dovrebbe imparare anche a accettare tutto ciò che la vita ha da offrire: il bene, il male, il dolore, le sofferenze, la felicità e altro ancora.

  • La zanna rotta è connessa a una delle tantissime storie su Ganesha (se vuoi saperne di puoi scrivimi). La zanna rappresenta il sacrificio simbolico che dovremmo fare per raggiungere la saggezza.

  • Ganesha come moltissime divinità indiane ha un proprio vahana. Il vahana ė un veicolo che consente alla divinità di viaggiare nei diversi universi. Ebbene, per strano che ti possa sembrare il veicolo di Ganesha é un topo che nella cultura indiana simboleggia il desiderio, che può causare grande danni se non è controllato.

  • Il dolce (un particolare tipo di dolce che si prepara in onore delle feste di Ganesh che si chiama laddoo. Clicca qui se vuoi la ricetta) che tiene in mano rappresenta i piaceri del mondo, che devono essere scoperti e goduti, ma senza mai attaccarci a essi.

  • L'ascia nella sua mano sinistra infine è un simbolo del suo potere di recidere il legami del desiderio che ci tengono ancorati al mondo dell'illusione.

Ti proporrò in questo blog anche qualche riflessione sui significati universali che queste divinitá possono avere per ciascuno di noi.

Userò qualche suggestione liberamente tratta dai lavori di psicologi che amo molto come Jung e Carol Pearson.


Allora, secondo queste fonti potremmo associare Ganesha sia all'immagine archetipica del Mago che a quella del saggio.

Parleremo ancora e piú approfonditamente in seguito di questo.


Ganesha può essere anche associato al "guardina della soglia": colui che ci aiuta a passare nei mondi interiori mettendoci alla prova.


In conclusione proviamo a chiederci in che modo possiamo portare tutte queste immagini, suggestioni e riflessioni nella nostra vita quotidiana


Certo ti capita di trovarti di fronte a ostacoli o porte chiuse... come ti comporti in questi casi? L'immagine di Ganesha ci aiuta a ricordarci che in queste occasioni abbiamo sempre il potere di accedere a una forza interiore più grande che ci aiuti a superarli con prospettive più ampie e al contempo più profonde,

Proviamo a trasformare tutto questo in una semplice frase che puoi portare con te e ripetere se ti corrisponde


"La forza per superare gli ostacoli è dentro di me,

so che ho al mio interno la forza per aprire le porte che trovo sul mio cammino".


o crea una affermazione che corrisponde e risuona per te


Con affetto

Ursula




Mantra di Ganesha:


ॐ गं गणपतये नमः

Om Gam Ganapataye Namaha


Gam è il nome breve di Ganesha, Ganapataye il suo nome come signore delle categorie e namah il saluto reverenziale.



117 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page